vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Campertogno appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Vercelli

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Autorizzazioni Paesaggistiche

Scheda del servizio

L'AUTORIZAZIONE PAESAGGISTICA viene rilasciata ai sensi degli effetti della L.R. n°32 in data 01/12/2008 per le opere da realizzare in aree soggette al vincolo di tipo PAESAGGISTICO-AMBIENTALE .

La COMMISSIONE LOCALE per il PAESAGGIO ai sensi della L.R. n°32 in data 01/12/2008 è nstata istituita con Deliberazione del Consiglio Comunale n°27 in data 09/10/2009; l'autorizzazione alla funzione paesaggistica della Regione Piemonte è definita con l'elenco di aggiornamento del 31/10/2009 al n°549.

Si evidenziano i vincoli di tipo AMBIENTALE-PAESAGGISTICO presenti sul territorio :
a) art. 136, titolo II del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.42, recante “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali” : immobili di notevole interesse pubblico ;

b) art. 142 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali”, comma 1 lettera c) per : Fiume SESIA, Torrente ARTOGNA e tutti i corsi d’acqua iscritti negli elenchi di cui al T.U. delle disposizioni di Legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con Regio Decreto 11/12/1933, n.1775 per una fascia di 150 m. da ogni sponda ;
c) art. 142 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali”, comma 1 lettera d) per : area montana oltre i 1.600 m. s. l.m. ;
d) art. 142 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali”, comma 1 lettera d) per : area boscata come definita dal D.to Lgs. n°227 in data 18/05/2001 ;
e) art. 157 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.42, recante “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali” (Decreto Ministeriale in data 01/08/1985 cosiddetto “Galassino”) : tutta l'area di destra orografica del Fiume SESIA (con esclusione dei comparti definiti dal P.R.G.C. vigente come A di CENTRO STORICO e B di CENTRO ABITATO) .

Si precisa che la relazione paesaggistica può essere di tipo semplificato nei seguenti casi :
1. interventi elencati dalla ex Legge Regionale n°20 in data 03/04/1989 e successive modifiche e integrazioni all’art 13, comma 1 lettera a), b), c), d), e), f) ,g) e h ter) e comma 2 lettera a), b), c) e precisamente :
Comma n°1 :
a) opere di manutenzione ordinaria e straordinaria ivi comprese quelle relative a impianti tecnologici esistenti e connesse strutture e volumi tecnici;
b) opere di restauro e risanamento conservativo, ristrutturazioni edilizie anche con demolizioni di strutture edilizie e loro pertinenze quando non comportino l’abbattimento totale del manufatto;
c) impianti tecnici al servizio di edifici esistenti;
d) interventi ed opere costituenti lotti esecutivi di progetti generali gia’ autorizzati dalla Giunta Regionale ai sensi dell’art. 82 del D.P.R. 616 del 24 luglio 1977, salvo esplicita riserva in contrario contenuta nell’autorizzazione regionale;
e) occupazione temporanea di suolo pubblico o privato con depositi, serre, relitti e rottami, attrezzature mobili, esposizione a cielo libero di veicoli o merci in genere, coperture pressostatiche per attrezzature sportive, baracche e tettoie temporanee destinate ad usi diversi dall’abitazione purche’ cio’ non comporti movimenti di terra;
f) trivellamento di pozzi per lo sfruttamento di falde acquifere escluse quelle minerali e termali nonche’ la ristrutturazione ed ammodernamento dei canali irrigui;
g) monumenti ed edicole funerarie nei limiti delle zone cimiteriali;
h ter) rilascio, limitatamente ad una sola volta, di autorizzazione per attivita’ estrattiva di pietre ornamentali ai fini della realizzazione di un progetto di coltivazione in precedenza autorizzato ai sensi dell’articolo 82 del d.p.r. 616/1977.
Comma n°2 :
a) posa in opera di cartelli, insegne e di altri mezzi di pubblicita’ nei limiti di cui all’art. 14, 1. comma, legge 29 giugno 1939, n. 1497;
b) le opere complementari quali cancellate, muri di recinzione, muri di contenimento del verde privato opere di arredo e di illuminazione urbane;
c) tinteggiature e ritinteggiature delle fronti degli immobili esistenti o di parti di essi.
2. interventi di ampliamento e sopraelevazione di edifici contenuti entro il 20% del volume esistente e varianti in corso d’opera di interventi già autorizzati;
3. manufatti di ridotte dimensioni (contenute entro un massimo di 25 metri quadrati) come bassi fabbricati, depositi attrezzi, legnaie, autorimesse, tettoie, cabine elettriche ecc,
4. taglio di piante di alto fusto in pertinenze private e pubbliche, al di fuori delle aree boscate;
5. taglio raso di superfici boscate governate ad alto fusto inferiori ai 2500 metri quadrati;
6. trasformazioni d’uso da terreno boscato ad altra coltura agricola per superfici inferiori all’ettaro;
7. modifiche morfologiche contenute entro 5.000 metri cubi;
8. interventi di adeguamento e ammodernamento di impianti tecnici esistenti quali linee elettriche non superiori a 15000 volt; impianti fognari, acquedottistici e altri servizi a rete; installazione di antenne e parabole su impianti esistenti;
9. interventi di natura idraulica, quali opere di difesa spondale, briglie, soglie, argini ecc;
10. opere di pavimentazione stradale e di adeguamento dimensionale della sezione non superiore al 20%, comprensive di manufatti di sostegno di controripa e di sottoscarpa;
11. rinnovi di autorizzazioni per interventi non completati nei cinque anni di validità del nulla osta regionale, che non comportino alcuna ulteriore modificazione e/o ampliamento rispetto al progetto precedentemente autorizzato;
12. interventi costituenti lotto esecutivi di progetti generali già approvati ai sensi della normativa paesaggistica vigente (PEC, PIP, etc) .

Negli altri casi occorre redigere la RELAZIONE PAESAGGISTICA ai sensi del del D.P.C.M. in data 12/12/2005 .

Ufficio di competenza

Nome Descrizione
Responsabile Ing. Paolo Vimercati
Indirizzo Corso Umberto I, 18
Telefono 0163.77122
Fax 0163.775921
EMail sindaco.campertogno@ruparpiemonte.it